Noi L’Aquila : internet e Google a servizio dell’ Aquila

Noi L’ Aquila ” è, senza dubbio, un progetto speciale che è stato inaugurato lo scorso 14 giugno 2011 dalle autorità aquilane e dal motore di ricerca Google. Questo progetto ha lo scopo precipuo di mantenere sempre vivo il ricordo dell’ Aquila, della sua cultura e delle sue bellezze artistiche, ma al tempo stesso vuole sollecitare anche una pronta ricostruzione. La base di questo progetto è rappresentato dal sito www.noilaquila.it . Una volta entrati nel sito si troveranno due sezioni alle quali accedere, e cioè Esplora e Ricorda, Costruisci il Futuro. Nella prima sezione , si può navigare dentro una social map in cui si potranno caricare e condividere fotografie,racconti, e tutto ciò che viene in mente relativo, ovviamente,alla memoria storica della città de l’Aquila. La navigazione sulla mappa è in 3D ed è facilmente gestibile mediante gli appunti degli utenti che visitano il sito. Importante è la sezione Costruisci il Futuro, che offre molti strumenti di computer grafica e architettura digitale, con cui si può proporre la propria personale ricostruzione virtuale della città, creando edifici, strutture e costruzioni che, in base al proprio gusto, potrebbero entrare nel piano di ricostruzione concreta della città. Gli strumenti messi a disposizione da Google sono SketchUp e Google Building Maker, due importanti applicazioni disponibili . Se si vuole visualizzare la sezione la sezione più professionale del progetto Noi L’Aquila, bisognerà andare su ‘ Costruisci il Futuro’. Da sottolineare è che, poi, gli utenti sono aiutati da molti architetti e ingegneri che danno tutta l’assistenza necessaria per l’utilizzo della piattaforma. E’ importante saper, poi, che nel centro de L’Aquila, inoltre, è stato posto uno stand totalmente orientato al progetto, con schermi Lcd, postazioni computer e “help desk” per tutti coloro che vogliono ottenere maggiori informazioni sul progetto. Tutto ciò consentirà, sicuramente, di mantenere sempre viva la memoria dell’Aquila e della sua cultura.

Comments

comments